tecnici - associazione italiana equitazione naturale

Vai ai contenuti

Menu principale:

ASSICURAZIONI
NORME CHE REGOLANO L’ASSICURAZIONE DELLA RESPONSABILITÀ CIVILE
Art. 1. Descrizione del rischio
L’assicurazione si intende prestata in relazione ai rischi derivanti dallo svolgimento delle varie attività svolte da AIEN, dai suoi Organi Centrali e Periferici,
La seguente descrizione viene riportata a titolo esemplificativo e non limitativo, dato che la presente polizza esplica la propria validità per tutti i casi in cui possa essere reclamata una responsabilità anche quale committente, organizzatore od altro, dell'Assicurato, salve le esclusioni espressamente menzionate:
 gestione e controllo dell’attività sportive, svolte sia a livello pratico (Prove, Allenamenti, Campionati, Tornei, manifestazioni in genere) che a livello formativo e promozionale (corsi, stages, conferenze, iniziative pubblicitarie, ecc.).
 partecipazione a tornei, manifestazioni in genere
 uso di  attrezzature pertinenti l’attività descritta in polizza;
 attività ricreative – ludico – culturali : riunioni, conferenze, giochi vari, il tutto organizzato e svolto nell’ambito delle sedi e/o impianti preposti. Sono comprese le gite sociali e trasferte .
Gli associati e/o allievi del Contraente e/o di altre scuole/società sportive sono considerati terzi nei confronti di tali persone. Si precisa inoltre che le suddette persone sono considerate terze (limitatamente ai danni corporali) nei confronti dell’Assicurato/Contraente, ma non terze tra loro.
Gli atleti delle altre associazioni e/o società sportive sono considerati terzi nei confronti dell’Assicurato/Contraente,  ma non terze nei confronti degli associati, allievi, tesserati e/o iscritti del Contraente durante lo svolgimento delle attività sportive. Attività previste dal D.lgs. n. 81/2008 (Testo Unico sulla Sicurezza)  
Art. 2.
Limiti Territoriali Tanto l’assicurazione R.C.T. è operante per i danni verificatisi nel territorio di tutti i Paesi  dell’Unione Europea.  
Art. 3.
Massimali L’assicurazione si intende prestata sino alla concorrenza dei massimali indicati nella Sezione “Massimali”.  
Art. 4
Oggetto dell’assicurazione della responsabilità civile verso terzi (R.C.T.) La Società si obbliga a tenere indenne il Contraente/Assicurato di quanto questi sia tenuto a pagare, quale civilmente responsabile ai sensi di legge, per Danni involontariamente cagionati a Terzi, in conseguenza di un fatto accidentale verificatosi in relazione all’attività descritta in polizza. L’assicurazione R.C.T. vale anche perla responsabilità civile che possa derivare da colpa grave dell’Assicurato ovvero da colpa grave o fatto doloso  delle quali debba rispondere.
Art. 5.
Altre assicurazioni: secondo rischio per differenza di condizioni e di limiti Qualora a favore dell’Assicurato fossero in corso al momento del sinistro altre assicurazioni sui medesimi rischi coperti dalla presente Polizza, quest’ultima si considera operante nei casi e con le modalità seguenti:
a) se il rischio non fosse garantito nelle predette altre assicurazioni ma lo fosse in base alle garanzie prestate con la presente Polizza a favore dell’Assicurato stesso, saranno operanti per quel rischio i capitali e/o massimali e le condizioni previsti in quest’ultima, come se le predette altre assicurazioni non esistessero;
b) se il rischio fosse garantito e liquidato in base alle predette altre assicurazioni ma i massimali e/o capitali o le somme in esse previsti fossero insufficienti a coprire l’intero danno, la presente Polizza risarcirà l’Assicurato per la sola parte di danno eccedente quella risarcita a norma delle predette altre assicurazioni, nei limiti ed alle condizioni tutte della presente Polizza.  
Art. 6.
Gestione delle vertenze di danno – Spese di resistenza La Società assume fino a quando ne ha interesse la gestione delle vertenze, tanto in sede stragiudiziale che giudiziale, sia civile che penale, a nome dell’Assicurato, designando ove occorra, legali e tecnici ed avvalendosi di tutti i diritti ed azioni spettanti all’Assicurato stesso. Sono a carico della Società le spese sostenute per resistere all’azione promossa contro l’Assicurato, entro il limite di un importo pari al quarto del massimale stabilito in polizza per il danno cui si riferisce la domanda. Qualora la somma dovuta al danneggiato superi detto massimale, le spese vengono ripartite fra la Società ed Assicurato in proporzione al rispettivo interesse. La Società non riconosce spese incontrate dall’Assicurato per legali o tecnici che non siano da essa designati e non risponde di multe od ammende e delle spese di giustizia penale. La Società si impegna a fornire tempestivamente copia degli atti processuali ed ogni informazione relativa all'andamento delle liti giudiziali. Si precisa che la difesa dell’assicurato viene assunta dalla società sia in sede civile sia penale fino alla definitiva tacitazione dei terzi e ad esaurimento del grado di giudizio in corso al momento della liquidazione del sinistro.  
Art. 7. Franchigia
L’assicurazione si intende prestata previa detrazione di Euro 500,00 per ogni sinistro e per ogni danneggiato che comporti danni a cose. Restano fermi scoperti e/o franchigie di importo superiore e/o inferiore previsti in polizza per specifiche garanzie. La Società si impegna a gestire e liquidare al terzo danneggiato l’importo del danno al netto di eventuali scoperti o franchigie contrattualmente previste, nonché gestire anche i danni non superiori per valore agli scoperti o franchigie.  
Art. 8. Estensioni garanzia Danni da incendio La garanzia comprende i danni a cose altrui derivanti da incendio di cose dell’Assicurato e/o da lui detenute. La presente garanzia è prestata con applicazione di uno scoperto del 10% di ogni sinistro, con un minimo non indennizzabile di € 1.000,00 e fino alla concorrenza di un massimale annuo di € 150.000,00. Qualora per lo stesso rischio esista altra analoga copertura assicurativa, la garanzia di cui alla presente estensione si intenderà operante per l’eccedenza rispetto a quanto indennizzato dalla predetta altra assicurazione.
Art.9 Danni a cose in consegna - custodia
A parziale deroga di quanto previsto dalla relativa esclusione di polizza si precisa che la garanzia comprende i danni alle cose di terzi in consegna e/o custodia dell'Assicurato purché i danni non si verifichino durante l'uso, trasporto, movimentazione, carico, scarico e/o sollevamento di tali cose e/o durante l'esecuzione di lavori sulle stesse. Tale garanzia si intende prestata con l'applicazione della franchigia base indicata in polizza e fino a concorrenza di un massimo risarcimento di € 30.000,00 per anno assicurativo.
MASSIMALI   
RCT                 € 3.000.000,00 unico;

Sono cose sia gli oggetti materiali, sia gli animali

 
Copyright 2015. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu